284943.jpg

MERCANTI DI STORIA

populonia: passi nel tempo

Si cammina sospesi tra cielo e mare lungo il cammino che i mercanti etruschi prima e medievali poi, compivano da Volterra (Velàthri) al mare, ci immergeremo lentamente in altre epoche, negli spazi incontaminati e attraverseremo borghi che fluttuano nel tempo;  zigzagando nel cammino della storia ascolteremo racconti che le pietre, i templi, i fiumi ed il gorgogliare della terra portano ai nostri sensi, racconti di un popolo che dava importanza alla musica, alla magia, al gioco, allo spettacolo e che riconosceva alla donna gli stessi diritti e doveri degli uomini. Una società con un bagaglio e un patrimonio enogastronomico invidiabile, con una cultura così moderna che vi sorprenderà.

Un percorso dalle molte anime dove il nostro approdo sarà la leggerezza (e la gioia di vivere le cose belle tramandataci dagli etruschi) lasciandoci condurre dai sensi, dal tempo lento e dalla immaginazione alimentata da questa magica terra.

284990.jpg

concetti narranti

BOTANICA percorso in “odorama”: piante meditteranee (costa rocciosa, macchia, bosco) : strategie di adattamento con particolere approfondimento su metaboliti secondari (oli, resine, terpeni) ed “educazione all’”ascolto” degli odori delle piante e si approfndirà, in linea con il concept guida, l’aspetto magico-mitologico.

 

GEOLOGIA (Emergenze geologiche: Flysh/Macigno, Sabbie Rosse, Calcarenite/Panchina): ll macigno: roccia massiccia e relativamente

più resistente alle alte temperature, (forni fusori per la lavorazione del minerale dell’Elba). La calcarenite, data la facilità con cui poteva essere estratta e lavorata, (materiale costruttivo più utilizzato, sia nella fase etrusca che in quella romana) effetti erosivi (eolici, aloclastici, diaclasi), faglie, pieghe; formazione delle “vaschette di panchina” e.. “mare etrusco”.

 

STORIA E LEGGENDE (necropoli, Monastero, Buca Delle Fate): Storia e costumi etruschi romani e medievali; (in dettaglio: Storia dei cavalleggeri; Leggenda delle fate, Monastero S.Q)

PROGRAMMA

Cammineremo tra boschi e colline incontaminate tornando indietro di 2500 anni ed ogni tappa saremo sempre più coinvolti nel ritmo, danze e costumi di una cultura affascinante, quella etrusca; Ne coglieremo la visione, l’amore per la vita, il loro dialogo con la natura e tutto quanto i romani, loro ereditieri, non colsero ne raccolsero; percorreremo la strada di un popolo misterioso portando simbolicamente, dell’alabastro fino a Populonia destinazione Cartagine. Attraverseremo borghi sospesi nel tempo, assaggeremo piatti antichi immergendoci in mondi immutati da secoli.

 

Entreremo nel cuore della terra con un trenino per carpirne le magie, ascolteremo le pietre di antichi monasteri raccontarci i loro segreti , ascolteremo miti che da millenni l’uomo ricama per sforzarsi di comprendere e addomesticare la forza e la bellezza della terra.​

 

Come antichi mercanti impareremo ad orientarci nella natura, conosceremo le piante e le rocce che ci circondano, e la sera di fronte al fuoco rivivremo antiche storie e impareremo a leggere le stelle.

 

Un percorso dalle molte anime (storica, geologica, botanica, ..) dove il nostro approdo sarà la leggerezza (e la sua “magia”) lasciandoci condurre dai sensi e dalla storia.

MOMENTI DI STORIA

Il cisto, il lentisco, il ronzare dei bombi e le pietre scavate hanno mille storie da raccontare tutte collegate da trame sottili ed invisibili. Impareremo ad ascoltare e comprendere le loro numerose voci, i loro ricordi che ci condurranno attraverso il tempo in mondi remoti, ci aiuteranno ad entrare nella storia attraverso le loro storie.

Saremo trasportati dai loro racconti su strade sorprendenti alla scoperta di tante meraviglie.

Cominceremo avventurandoci sul monte Calvi sui cui sentieri troveremo piante uniche e orchidee endemiche.

Incontreremo la marruca che ci racconterà di quando fu posta sopra la testa di un profeta in croce e quando il re san luigi comprò quella strana corona e ne staccò le spine o quando incontrò Pascoli che scrisse di lei. 

Ascolteremo l’odoroso mirto nel bosco di Populonia che ci parlerà di venere e della mortadella.

Cammineremo fino al mare che ci inonderà di storie di pirati, battaglie e delfini da cui discendiamo.

 

Monte calvi

Rovine di san silvestro

Esplorazione in miniera con trenino

Passeggiata tra le stelle

Parco archeologico 

la necropoli

Segreti ed eroi della macchia mediterranea

le rovine di san quirico

la leggenda delle fate

l’acropoli

pirati e battaglie

notte a baratti

populonia_1_web.jpg